Acquisto Antiquariato
Stime, perizie e valutazioni gratuite
Acquisto Antiquariato, Stime, Perizie e Valutazioni Gratuite, Pagamenti Immediati

Acquistiamo opere Giambologna
Bronzi Rinascimentali, Antiquariato - Valutazioni immediate



Nome(*):
eMail(*):
Telefono(*):
Artista:
Oggetti(*):
Foto/Immagini:
Accetto(*): Dichiaro di aver preso visione dell'Informativa Privacy ai sensi degli Artt. 13 e 14 del Regolamento UE 2016/679 e di rilasciare il consenso al trattamento dei dati personali per le finalità ivi indicate.
(*) - Campi Obbligatori


Acquisto Bronzi Rinascimentali e opere di Giambologna


Stime, perizie e valutazioni su richiesta tramite l'apposito modulo qui di fianco, oppure tramite invio di foto
a numero Whatsapp +39.338.6133623.

Se possiedi delle opere di Giambologna e sei interessato a venderle oppure vuoi conoscere il loro valore, la stima di mercato e/o il prezzo di vendita, non esitare a contattarci.

Abbiamo sedi in Roma e Todi a Perugia, ma possiamo spostarci su tutto il territorio nazionale ed internazionale.

Assicuriamo trattative riservate, massima affidabilità e serietà in tutte le transazioni di vendita.

L'artista Giambologna, la biografia e le opere


Giambologna, pseudonimo di Jean de Boulogne (Douai, 1529 – Firenze, 13 agosto 1608), è stato uno scultore fiammingo attivo in Italia, in particolare a Firenze.



I capolavori della maturità

L'opera di Giambologna più famosa a Firenze resta il cosiddetto Ratto delle Sabine (1583), che ancora oggi si trova sotto le arcate della Loggia della Signoria, davanti al gruppo marmoreo di Ercole e il Centauro Nesso (1594-1600), versione in scala monumentale di una delle storie di Ercole eseguita per la Tribuna.



Negli ultimi anni della sua carriera lo scultore fu impegnato nella complessa realizzazione di monumenti equestri, considerato da sempre uno dei soggetti attraverso il quale lo scultore poteva fare mostra della propria bravura.



Il monumento equestre di Cosimo I venne eseguito tra il 1587 e il 1599 su commissione del figlio Ferdinando I; occorsero dodici anni all'ormai anziano maestro per completare l'opera, compresi i bassorilievi del basamento che celebrano le gesta del granduca, ma alla fine l'opera riscosse un grande successo, tanto che nel 1602 egli iniziò a lavorare anche al monumento equestre di Ferdinando I, poi collocato in Piazza della Santissima Annunziata nel 1608.

CONTATTA ACQUISTO ANTIQUARIATO


Roma | Perugia
Torna SU